I sandali: la nascita di una calzatura tra egiziani, greci e romani

Secondo degli studi i sandali sono emersi per la prima volta nel 3500 a.C nell’antico Egitto, con l’obiettivo di proteggere i piedi dal terreno rovente.
Inizialmente i modelli venivano realizzati lasciando l’impronta del piede prima nella sabbia bagnata e poi riproducendola a dimensioni naturali sul papiro intrecciato a cui venivano applicati lacci di pelle, spesso anche la suola era realizzata in cuoio per poi essere ornata con pietre preziose e ulteriori decorazioni.

Da come si può notare, la storia della nascita dei sandali è colma di tante piccole e interessanti curiosità che condividiamo con i nostri lettori appassionati di moda ma anche di antichità.

Facciamo un viaggio nel tempo.

I sandali e le invenzioni degli antenati

Come è stato preannunciato poc’anzi, il primo popolo a realizzare i sandali sono stati gli egiziani con lo scopo di proteggere una parte del corpo alquanto delicata ma soprattutto per abbellirla con ornamenti vari.

Nell’antichità anche su questo fronte esistevano regole ben precise, difatti, basti pensare che i semplici cittadini indossavano sandali di pelle mentre coloro appartenete a categorie di livello sociale di nota importanza come i faraoni era soliti optare per sandali col la punta rialzata verso l’interno, realizzati in oro e con immagini di nemici sulle suole in simbolo di disprezzo e per calpestare passo dopo passo chi temevano.

In seguito si svilupparono anche nell’antica Roma con lo stile a cui attualmente si fa riferimento ai modelli definiti a “gladiatore” o a “caliga”. Essi erano dei veri e propri stivali da marcia ma aperti, pesanti, resistenti e indossati per lo più da uomini sul campo di battaglia. A copiare la rispettiva tendenza furono i greci con la differenza che essi erano di costituzione più morbida e sottile poiché destinati alle donne per compiere qualsiasi mansione di loro interesse durante la quotidianità.

Ma scopriamo come sono arrivati ai giorni nostri.

I sandali e la moda…

I sandali per qualche secolo scomparvero e rifecero ingresso nel 1900 tranne che il alcune società più puritane in cui non era ammesso alle donne avere calzature che lasciassero il piede scoperto, poiché collegato alla loro sensualità.

Negli anni 20 insieme all’invenzione di tanti abiti particolari con elementi innovativi tipo le paillette, presero spazio anche i cinturini alla caviglia e scarpe che lasciavano sempre più intravedere i piedi delle donne; grazie soprattutto all’intervento dello stilista Ferragamo che diede molta importanza e spazio alla moda femminile.

I sandali nel 2021

Grazie ad un breve racconto è chiara la storia di come sono arriva i sandali nell’odierna società, rendendo ogni outfit alla moda, comodo e frivolo.

A tal proposito, proponiamo lo store online positanoinlove.com colmo di una vasta scelta di sandali capresi di ogni genere, colore e tessuto.

Cosa aspetti? Viziati con una calzatura artigianale, Made in Italy e che è alla moda da secoli.

Accogliamo con piacere ogni tuo ordine.

Comments (0)

Product added to wishlist

Cliccando accetto acconsenti al trattamento dei dati al fine di garantirti una migliore esperienza di navigazione.